29 settembre 2009

Cosa l’Intelligenza Emotiva NON è

Dell'intelligenza emotiva si affermano molte cose che in realtà con l’intelligenza emotiva hanno poco a che vedere. Gli articoli giornalistici hanno spesso equiparato l’intelligenza emotiva ad altri tratti della personalità. L'intelligenza emotiva, tuttavia, non è la gradevolezza e non è l’ottimismo. Non è la felicità. Non è la calma. Non è la motivazione. Queste qualità, anche se importanti, hanno poco a che fare con l'intelligenza, poco a che fare con le emozioni, e quasi nulla a che fare con la reale intelligenza emotiva. Anche alcuni psicologi hanno confuso l'intelligenza emotiva con tali qualità personali. John D. Mayer e colleghi hanno consigliato, in un recente articolo di American Psychologist:

... gruppi di tratti di personalità ampiamente studiati, comprendenti le motivazioni come la necessità di realizzazione, i concetti riferiti a sé come l'autocontrollo, i tratti emotivi come la felicità e gli stili sociali come l'assertività dovrebbero essere chiamati per quello che sono, piuttosto che essere mescolati in assortimenti a casaccio che poi vengono inclusi nell’intelligenza emotiva (p. 514).

Un altro equivoco diffuso circa l’intelligenza emotiva è che essa sia il miglior predittore di successo nella vita. EI non è certo il miglior fattore di predizione del successo nella vita - come è stato suggerito una volta sulla copertina della rivista TIME negli Stati Uniti. John D. Mayer e colleghi non hanno mai affermato una cosa del genere. Tale concezione sbagliata è nata tra il 1995 e il 1998 da una raffica di resoconti giornalistici basati su malintesi circa le scienze psicologiche.

Tratto da: What Emotional Intelligence Is Not

1 commenti:

Anonimo ha detto...

The Golden Path
Ha detto: Ottimo articolo
Qlxchange : Ha detto: interessante